stai leggendo...
Società

Fratelli coltelli

Un argomento di cui non ho ancora parlato ma fa ormai parte del quotidiano sono gli omicidi perpetrati da squilibrati che decidono di recarsi in un luogo affollato (stazioni e centri commerciali i preferiti) e accoltellare i passanti a caso.
Di notizie del genere in due anni ne ho sentite tantissime, un sondaggio dice che questo tipo di crimini avviene in tutto il paese circa 4 volte la settimana. Siamo messi proprio bene!

La nuova fresca fresca di ieri è questa. Nella provincia di Ibaraki, in una città non molto lontana da Tokyo, il 24enne Kanagawa Masahiro ritira quasi tutti i suoi soldi dal suo conto (400.000 yen, circa 2600 euro), va a comprare un paio di coltelli e se ne torna a casina sua. Dopo un po’ gli viene in mente di uccidere qualcuno, cerca la sorella ma non è in casa, per cui esce e incontra lo sfortunato vicino di casa, il Sig. Miura (72 anni) e lo accoltella con un colpo da dietro sul collo. I due non si erano mai visti prima. La polizia in qualche modo risale al ragazzo e comincia a cercarlo dappertutto, senza risultato. Credendo che si nascondesse nella zona di Tsuchiura, la polizia ha deciso di mandare circa 170 agenti a pattugliare tutti i treni della linea che arriva da lì. Ma intanto il Kanagawa se ne era andato a Akihabara (Tokyo) a comprare dei videogiochi e a radersi la testa per non farsi riconescere.
Finito il giretto, torna a verso casa e decide che vuole uccidere sette o otto persone, va bene chiunque. E quale posto è meglio della stazione??? Comincia a accoltellare un po’ di gente, otto persone per la precisione, di cui uno, un ragazzo di 27 anni, è morto. Tra i rimasti 7 feriti, due sono in gravi condizioni. Gli otto poliziotti presenti in stazione non riescono a prendere l’assassino “perchè a un certo punto a cominciato a correre a tutta velocità”.
La parte bella viene ora, una cosa che può succedere solo qui. Kanagawa entra un un posto di polizia per consegnarsi. VUOTO. Usa l’interfono per chiamare un altro posto di polizia e farsi arrestare. Caso chiuso. Più tardi confessa alla polizia l’omicidio di Miura e il fatto che voleva solo uccidere un po’ di gente, andava bene chiunque. Aveva anche pensato di andare alla sua vecchia scuola elementare… brrrrrr……. elementare!!!

E dopo avervi fatto un po’ rabbrividire, per farvi capire quanto sono comuni questi episodi, vi dico che stamattina una signora di Nagoya è stata seriamente ferita da un uomo che l’ha accoltellata alle spalle mentre passava in bicicletta.

Mentre in America, dove la cultura predominante è quella dell’arma da fuoco, ci sono i pazzi che sparano a caso nelle università, in Giappone, dove l’arma da taglio è rimasta per tantissimo tempo l’unica arma, si va in giro a tagliuzzare la gente. Devo dire che, rispetto a quando sono arrivata, quando mi trovo in un luogo affollato guardo la gente con più sospetto e recentemente mi è anche capitato di avere paura incerte situazioni.

Update inquietante: la polizia ha perquisito la casa di Kanagawa e ha trovato dei segni fatti con un coltello e i kanji di morte scritti in rosso sulla parete della sua stanza. E fin qui tutto “bene” se non fosse che la madre ha detto che quei segni e i caratteri non c’erano quando è entrata l’ultima volta nella sua stanza verso gennaio. I due vivevano insieme!!! Questo fa capire da cosa molto probabilmente scaturisce la malattia mentale degli individui… Penso sempre e solo una cosa: poverini…

Allora, a questo punto manca la stronzata nipponica, chiaramente inventata dagli abitanti di Osaka – la maglietta anti coltello!!!
Vi metto la foto sotto, costerà tra i 120 e 350 euro, a seconda delle versioni. La distribuzione da giugno, fatemi sapere se qualche italiano può essere interessato. Almeno ci tiriamo su il morale, ste minchiate se le inventano solo loro!!!

97947e62cc181a76.jpg

Annunci

Discussione

3 pensieri su “Fratelli coltelli

  1. Il ba ti consiglia di venire a casa,dato che i soldi per il biglietto li hai! Secondo me è meglio che tu scriva notizie più divertenti,sperando che ce ne siano,per tirare su il morale a tutti.

    Pubblicato da ma | marzo 26, 2008, 12:27 pm
  2. Sono daccordo….a proposito, ciao, sono arrivata per caso qui, davvero molto carino il blog e divertente!
    E chiudendo la parentesi più allegra dei complimenti e tornando a quella angosciosa della mmorte…
    Ma devo leggere queste cose proprio mentre certo di organizzarmi il viaggio in Giappone?!?!
    E’ anche vero che le cose anche se non le sapessi accadrebbero comunque. Tanto vale stare all’erta <_<

    Pubblicato da silvia | maggio 7, 2008, 5:52 pm
  3. anzi d’accordo

    Pubblicato da silvia | maggio 7, 2008, 5:53 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il gioco!

Bookmark me!

AddThis Social Bookmark Button

Blog Stats

  • 39.674 hits

Today

"Human beings make life so interesting. Do you know, that in a universe so full of wonders, they have managed to invent boredom." Terry Pratchett
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: